Investitori stranieri nuova linfa per il mercato immobiliare

Investitori stranieri nuova linfa per il mercato immobiliare

L’anno appena trascorso ha avuto un andamento positivo per il mercato immobiliare, secondo alcune analisi il 2015 ha visto un punto di svolta con una prospettiva che fa ben sperare per il futuro.

Expo complice nel risveglio dell’interesse per l’Italia da parte degli investitori esteri, la grande vetrina mondiale che ha coperto gran parte del 2015, ha offerto l’immagine di un paese ancora attivo in grado di misurarsi nelle sfide del futuro, l’Expo è stato in questo caso un buon test per valutare l’interesse anche nel settore immobiliare.

I liquidi degli investitori stranieri in cerca di solide mura

Una delle considerazioni che è stata fatta, riguarda la congiuntura economica del momento, i cui effetti, che possiamo vedere oggi con le borse che crollano, effettivamente vengono da lontano, sono i collaterali di una crisi finanziaria che presto giungerà al capolinea con i freni rotti, le vicende bancarie che stiamo vedendo in questi giorni sono un discreto campanello di allarme.

Ed ecco quindi spiegate le motivazioni di un rigenerato interesse che gli investitori stranieri riscoprono nell’Italia, non avendo più quelle garanzie di profitto con la speculazione finanziaria, dove piuttosto i capitali si rischiano anziché produrre rendimenti, fondi internazionali, ma anche privati investitori strizzano l’occhio a beni di più solida consistenza come il mattone.

Quale paese migliore dell’Italia per investire in immobili?

La situazione per altro è molto favorevole, i prezzi degli immobili sono scesi con percentuali importanti e variazioni secondo zone e città, l’interesse tuttavia per gli investitori stranieri si concentra in aree precise, prevalentemente le città turistiche italiane, tra queste anche Milano che ha goduto di una grande copertura mediatica in mezzo mondo.

I soldi che in questo momento non rendono e sono a rischio a causa della volatilità finanziaria, presto saranno smobilizzati e resi disponibili per essere investiti, le principali borse mondiali hanno vaporizzato miliardi che difficilmente saranno recuperati.

Questo porta gli investitori stranieri a serie valutazioni nel campo immobiliare, un déjà vu che riporta indietro al ricordo dei bei tempi passati, quando investire significava effettivamente possedere qualcosa, gli immobili sono perfetti per questo, in più è difficile che svaniscano in una nevrotica seduta borsistica.

Il turismo in soccorso del settore immobiliare

Il target di riferimento per gli investitori stranieri è il turismo, in questo caso l’Italia ha delle potenzialità infinite ma purtroppo inespresse, e come spesso accade, saranno altri venuti da fuori che ne trarranno i vantaggi maggiori, questo perché gli investitori italiani hanno una visione di corto raggio e fondamentalmente mancano le capacità sia intellettuali sia politiche.

Il sud Italia ad esempio ne è una prova più che evidente, luoghi e bellezze incredibili lasciate marcire nella trascuratezza e cumuli d’immondizie, altri avrebbero realizzato la “Florida d’Europa”, ma siamo pur sempre in Italia.

Ci salveranno gli investitori stranieri?

Probabilmente no, ma potrebbe essere un buon punto di partenza per uscire dal terreno melmoso in cui ci siamo fermati, gli stranieri hanno bisogno di investire, l’Italia ha bisogno di investitori, il momento è cruciale e forse la situazione non rosea per i mercati potrebbe far brillare almeno quello immobiliare.