Intermediazione immobiliare, l’agente è più vivo che mai!

Qualche anno fa si parlava della Rete, che avrebbe spazzato via ogni intermediazione immobiliare offerta da agenti in carne e ossa. A distanza di qualche giro di boa online, abbiamo le idee più chiare, o meglio a qualcuno si sono aperti gli occhi. I fallimenti di questi ultimi 5 anni sono sotto gli occhi di tutti, le varie “farm” online che promettevano miracoli tecnologici sono fallite miseramente! Il motivo principale è la “relazione”, comprare casa non è come comprare un lecca lecca, la gente vuole parlare, essere ascoltata e ascoltare.

Ovvio che questo, chiamiamolo pure rapporto umano, un software e relativo algoritmo non può sostituirlo. Quando devi comprare casa vuoi anche guardare negli occhi chi te la offre, è tutto qui il punto e si basa sulla fiducia. Una schermata di un computer di certo non può offrire queste indispensabili sensazioni, che sono il centro della conversione da contatto a compratore.

L’agente sempre più centrale

Forse oggi abbiamo capito che la tecnologia aiuta ma non sostituisce l’uomo, almeno non in certe relazioni. Per fare un esempio, è in pieno boom il “Property Manager”, ovvero quella figura dell’agente che si occupa della gestione degli immobili. In modo particolare riguardo al settore degli affitti turistici, tema ampiamente trattato in questo blog.

Il motivo per cui un proprietario si affida a un “Property Manager”? La risposta è tempo e denaro! Esattamente questo, chi ha un immobile da affittare nel settore turistico è sicuramente una persona benestante, spesso impegnata. Per questo motivo si affida a professionisti che mettono a rendita l’immobile occupandosi di tutto. Il vantaggio è quello per cui si ottengono maggiori rendite, in quanto l’agente ne ha tutto l’interesse, senza alcun impegno e tempo speso.

La tecnologia aiuta l’espansione e intermediazione immobiliare

Per tutto ciò che riguarda la crescita di un agente, la Rete e la tecnologia sono insostituibili, ma di fatto la tecnologia non sostituirà mai l’agente. Sicuramente oggi è chiaro questo punto, difficilmente ci sarà mai un servizio che farà le scarpe all’agente.

Di contro, ogni buon agente deve avere un grado di formazione adeguato. Perché se è vero che non sarà sostituito da un “robot”, è vero che un agente più bravo e formato prenderà il suo posto. Non sono molte le occasioni dove gli agenti si possono formare, ma una possiamo segnalarla, Accademia Agenti Immobiliari Qualificati, qualcosa si muove nell’intermediazione immobiliare!