Garage e negozi trasformati in appartamenti per il turismo a Diano Marina

Pilati (rappresentante regionale di Federalberghi) si oppone a questi atti fatti a Diano e in altre località vicine. A suo parere, danneggiano il turismo di qualità.

Una raccolta firme, è questa l’iniziativa che intende prendere l’esponente di Federalberghieri contro questo fenomeno che, a detta sua, può ledere enormemente al turismo di qualità offerto dal territorio dianese. Questo perché la maggior parte degli appartamenti “adattati” per i turisti si troverebbe al piano terra, di fronte alla principale via turistica di Diano Marina, in passeggiata.

Insiste Americo Pilati, sostenendo che un fenomeno del genere sia indecoroso per la città e che i provvedimenti saranno presi nel rispetto del turismo di qualità, che dovrebbe esser tutelato.
Il rappresentate di Federalberghi afferma poi di aver scattato 15 foto, ritraenti questi appartamenti, i quali si trovano nella maggior parte dei casi sul lungomare, con tanto di stendini con sopra biancheria e ciabatte davanti agli occhi dei turisti.

Pilati conferma che ci sarà un incontro con il comune di Diano Marina per venire a capo della questione, a partire da chi ha concesso i permessi per attuare queste “trasformazioni” di locali privati in appartamenti adibiti al turismo: sono quindi chiamati in causa l’ingegnere capo e l’assessore ai lavori pubblici.

Bisogna intervenire, prima che la situazione cada nel ridicolo

Continua, infatti, Pilati “Arriveremo a un punto tale che un giorno potremo vedere un signore in canottiera e una signora che frigge le patatine a filo strada sulla passeggiata”. Secondo quanto ha detto, Diano Marina di questo passo potrebbe diventare come le altre località turistiche vicine, prive di alberghi di qualità ma piene di appartamenti. Ciò sarebbe una vera batosta per quel livello più elevato di turismo, che ha ben altre pretese. Ed è su questo punto che il rappresentante di Federalberghieri vuol concentrarsi, proponendosi di far prendere seri provvedimenti atti a fermare quest’andazzo che, alla lunga, può portare a gravi danni di livello turistico.

Pilati è fermamente convinto che gli albergatori, se vogliono alzare la loro qualità di offerta al turismo, devono opporsi a queste tipologie di alloggi e tutelare gli alberghi, di ben altra qualità.
La battaglia sembra appena iniziata ma la determinazione del rappresentante di Federalberghi poterà presto a delle conclusioni, che ovviamente si spera non siano solo di parte ma che si adattino davvero al settore turistico riconosciuto in tutte le sue forme!

Via:  sanremonews.it