Airbnb: l’economia condivisa che fa crescere il paese

Airbnb: l’economia condivisa che fa crescere il paese

Airbnb: l’economia condivisa che fa crescere il paese

Airbnb: l’economia condivisa che fa crescere il paese

Siamo al passaggio storico delle consegne di un settore che ha trovato un nuovo interlocutore. Il concetto di vacanza del tutto nuovo che sta mutando quello che era un dogma turistico durato centinaia di anni.

La tendenza del mercato grazie anche a servizi come Airbnb, favorisce l’imprenditorialità turistica individuale, ogni casa ora diventa alloggio, sistemazione per le vacanze più che mai ben accetta dai turisti.

Una lingua unica e internazionale, il fenomeno riguarda tutte le città del mondo, con una prevalenza per quelle a vocazione turistica.

Un’offerta molto varia e ampia, in grado di soddisfare grandi e piccole esigenze turistiche. Il motore di questa rivoluzione culturale è senz’altro la Rete e un sistema di prenotazione facile e veloce, con tutte le garanzie del caso.

Quest’ultimo uno dei punti forti di Airbnb, infatti, qualora l’alloggio o la casa non sia corrispondenti alle attese create, si potrà chiedere il rimborso di quanto pagato.

Le statistiche dicono che funziona

I numeri non mentono, a fronte di una crescente domanda l’offerta si adegua e va di pari passo. Molti immobili in zone centrali o ben servite, tra questi anche nuovi e invenduti che si stanno trasformando in “appartamenti condivisi”.

In altre parole il sistema turistico sostenuto da Airbnb funge anche da volano per il settore edilizio, che vede in quest’opportunità l’occasione per uscire da un pantano che immobilizza un intero settore.

Vacanze brevi ma frequenti

La grande offerta che questo servizio racchiude, consente di trovare alloggi da poche decine di Euro fino a dimore di lusso, a ognuno la sua scelta in base alle proprie possibilità. La media dei soggiorni è di circa 3/4 notti, quindi più brevi rispetto al passato, ma con una tendenza a viaggiare più spesso, in definitiva i 15 giorni di qualche anno fa sono spalmati in 3 o 4 vacanze nell’arco dell’anno.

Parola d’ordine quindi è, viaggi corti, ma più frequenti, sicuramente porta grandi benefici a un’economia che ha molto bisogno di stimoli e nuove occasioni per emergere.

Gli hotel del futuro saranno “homemade”!

Per quanto riguarda gli hotel probabilmente nei prossimi anni vedremo un cambiamento molto radicale, alcuni analisti sostengono che le strutture rimarranno tali e quali, altri invece ipotizzano la chiusura per quelli di fascia economica, diretti concorrenti delle case vacanza gestite da Airbnb.

Difficile sapere quale sarà il risultato nei prossimi anni, tuttavia la seconda ipotesi sembra molto più verosimile, poiché già oggi molte strutture minori sentono il peso di questa nuova offerta!

Airbnb Italia la piazza più ricca

Probabilmente l’Italia è la gallina dalle uova d’oro, quasi la totalità del territorio italico è una zona turistica, vuoi per le montagne, il mare, le città d’arte e i grandi centri urbani, l’enogastronomia, i piccoli borghi e tanti centri archeologici.

Tutto questo fa dell’Italia uno dei paesi più ricchi sotto il profilo turistico, interessante questo report redatto da Airbnb che fotografa la situazione italiana, nella quale si prefigurano ottime prospettive per il futuro.

Turismo: boom dell’appartamento turistico a Venezia e Provincia

Turismo: boom dell’appartamento turistico a Venezia e Provincia

Turismo: boom dell'appartamento turistico a Venezia e Provincia

Turismo: boom dell’appartamento turistico a Venezia e Provincia

Come già anticipato in parte nei precedenti post, il turismo si conferma come uno dei maggiori settori in crescita e trainante delle varie economie locali, in modo particolare l’area del Triveneto ha il maggior numero di imprese avviate legate al settore turistico, tra queste importante porre l’accento su quelle legate all’affitto dell’appartamento turistico.

Questa crescita si lega anche a fattori d’investimento legati al settore dei trasporti, in modo particolare a quello aereo che vede un incremento dei voli da e per l’area veneta, come abbiamo riportato nel precedente post sui nuovi voli easyJet su Venezia.

I mutamenti del settore turistico

In questo boom che si registra, si può notare con un certo interesse un cambiamento strutturale, delle migliaia di attività avviate negli anni, di queste solo poche decine sono hotel e strutture alberghiere, il resto sono tutte attività legate al turismo come ristoranti, bar, agenzie di servizi, trasporti, b&b e altre attività legate all’affitto e promozione dell’appartamento turistico, questo in forte ascesa rispetto alle tradizionali sistemazioni turistiche.

Cambia quindi un sistema che apparentemente sembrava consolidato, in realtà la tendenza ci dice che l’hotel come proposta vacanza sembra abbia fatto il suo tempo, in appena 10 anni le imprese e attività legate al turismo sono raddoppiate ma questo non ha coinvolto se non marginalmente la categoria degli alberghi e hotel che è rimasta sostanzialmente inalterata, a fronte di un crescente afflusso turistico che è stato evidentemente captato dall’offerta dell’appartamento turistico e b&b.

Appartamento turistico motore trainante del settore

Come anticipato negli ultimi post, il mercato del settore turistico cresce e lo farà per i prossimi anni costantemente, gli sviluppi sono molto evidenti, l’area del Triveneto con Venezia come polo attrattivo, sta sviluppando quel potenziale che è stato sempre sottostimato e sopito, i litorali che coprono l’alto Adriatico stanno vivendo una nuova stagione di successi, così anche le aree montane sia nelle località rinomate che come effetto collaterale porta nuova ninfa economica anche ad altre.

La nuova ricettività sarà sviluppata grazie all’appartamento turistico, che sopperiscono a una sicuramente inadeguata capacità ricettiva degli alberghi e hotel, poiché strutturati per un flusso turistico stimato per quelle che erano le cifre fino a qualche anno fa, oggi non è più adeguata quest’offerta.

Il mutamento del settore è dovuto a diversi fattori, quello più evidente è sicuramente la crisi economica, che prodotto una nuova offerta e domanda, da un lato minori disponibilità economiche per i viaggiatori, dall’altro l’affitto delle seconde cose dei proprietari per far quadrare i conti, se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno, un male che ha generato una nuova prospettiva che è quella dell’appartamento turistico facendo così emergere quest’opportunità.

Considerazioni

Cambiano le tendenze e le scelte dei viaggiatori, che continueranno a crescere e questo sicuramente farà proseguire il processo di mutamento del settore, questo potrebbe portare a nuove idee e realtà legate al settore ricettivo e servizi connessi, in parte se ne vedono già i primi segnali.

easyJet: altri 10 voli su Venezia, nuovi flussi turistici in arrivo

easyJet: altri 10 voli su Venezia, nuovi flussi turistici in arrivo

easyJet: altri 10 voli su Venezia, nuovi flussi turistici in arrivo

easyJet: altri 10 voli su Venezia, nuovi flussi turistici in arrivo

La città più amata dai turisti di tutto il mondo oggi ancora più facile da raggiungere.

easyJet la compagnia aerea low cost, ha istituito 10 nuovi voli da e per l’aeroporto di Venezia da alcune delle città europee più importanti e altre minori.

La compagnia considera questo piano di sviluppo fondamentale per la città di Venezia e per l’intera Regione, ai 10 già avviati nel mese di febbraio, se ne aggiungeranno altri 40 a seguire, collegando più volte al giorno città come Londra e Parigi, Edimburgo, Copenhagen, Praga, Bristol, Bordeaux, Stoccarda e altre destinazioni come la Sardegna e la Grecia.

Venezia nuovo crocevia turistico

L’aeroporto Marco Polo sta vivendo un periodo di crescita molto promettente, i collegamenti con altre grandi capitali europee sono aumentati negli ultimi anni e con una frequenza sempre maggiore, per Londra e Parigi al momento sono attivi fino a 6 voli giornalieri, indubbiamente si tratta di collegamenti per destinazioni d’affari, ma un incremento così rilevante porta anche grandi flussi di turisti che arrivano per visitare la città.

I voli low cost rappresentano la maggior parte di quelli in transito all’aeroporto Marco Polo, easyJet in questa situazione è uno dei player più importanti in Europa, questa nuova fase di sviluppo su Venezia da parte della compagnia, porterà grandi benefici per il settore turistico ma anche per l’occupazione, questo piano di sviluppo è sicuramente una buona occasione per l’intera città.

L’offerta degli alloggi

Tenendo presente che questo piano easyJet porterà nuova linfa turistica sia in città sia in zone limitrofe, alcune considerazioni devono esser fatte, prima di tutto nel settore immobiliare il quale è uno di quelli maggiormente interessato da quest’onda migratoria di turisti, in questo caso stiamo parlando di seconde case e la possibilità di affittare ai turisti.

L’attuale offerta alberghiera è ben strutturata ma ha anche dei limiti, se pur con un’ampia disponibilità, nei periodi di maggior afflusso turistico non sarebbe in grado di soddisfare la domanda, per questo motivo il settore privato degli appartamenti turistici potrebbe essere una buona offerta integrativa oltre che lanciare sul mercato un’offerta permanente e complementare a quella tradizionale.

Nuove opportunità per il settore turistico privato

Negli ultimi 2/3 anni sono cresciute le richieste di appartamenti turistici, si tratta di un cambio nella modalità di fare vacanza, i viaggiatori di nuova generazione stanno cambiando la morfologia classica del turista, l’hotel tradizionale è sempre meno soddisfacente e al tempo stesso più costoso di un appartamento turistico, da qui la crescente domanda.

Il settore privato può contare su questa nuova opportunità di rendita con gli immobili, la quale è solo alla prima fase di crescita e che porterà grandi benefici sicuramente a molti proprietari negli anni a venire, è anche un’occasione di crescita o quantomeno di uscita dal pantano della crisi per l’intero settore immobiliare, almeno nelle aree d’interesse turistico.

Considerazioni

easyJet come altre compagnie nei prossimi anni cresceranno ancora, effettivamente le compagnie low cost hanno dato un buon impulso al settore turistico, spostarsi da uno stato all’altro dell’Unione Europea con pochi Euro ha sicuramente stimolato al viaggio, questa tendenza continuerà in futuro e crescerà ancora, è bene tenerne conto e organizzarsi per sfruttare queste occasioni.

Google Destinations penserà a farci viaggiare

Google Destinations penserà a farci viaggiare

Google Destinations penserà a farci viaggiare

Google Destinations penserà a farci viaggiare

L’onda lunga della tecnologia si fa sempre più ingombrante sui sistemi mobile, con un superamento del PC nell’uso della ricerca online, oggi oltre il 50% degli internauti utilizza lo smartphone per informarsi, comunicare e usufruire dei servizi, Google Destinations è rivolto proprio a quanti usano questo strumento per trovare informazioni riguardanti i viaggi.

Il colosso di Mountain View riporta di aver registrato nel corso del 2015, un incremento del 50% delle ricerche riguardanti i viaggi, fatte appunto da strumenti mobile come smartphone e tablet, in quest’ottica Google Destinations sarà un servizio volto a facilitare proprio questo tipo di ricerche.

Sempre più connessi in mobilità

L’uso del PC per collegarsi a Internet ha perso il predominio già da qualche tempo, negli ultimi 5/6 anni con i nuovi telefoni sempre più potenti e con schermi più ampi, a fatto sì che una buona fetta degli utenti si spostasse proprio su questi sistemi, non solo per intrattenimento o informazioni, ma anche per l’acquisto di servizi, come i biglietti aerei e la ricerca di alloggi per le vacanze.

Un mondo che cambia, con la potenza della Rete e delle informazioni reperibili che passano da una scrivania al palmo della mano, questo offre enormi potenzialità in più rispetto all’uso del PC che a quanto pare ha fatto il suo tempo, un telefono che portiamo sempre appresso vuol dire avere molte più occasioni per l’uso dello stesso, queste diventano anche occasioni per le aziende che possono offrire servizi praticamente senza limiti di tempo agli utenti.

I viaggi organizzati con Google Destinations

La missione di questo nuovo strumento di ricerca che Google sta realizzando, unirà in sostanza tutte quelle risorse che normalmente, quando si deve organizzare un viaggio si utilizzano, dal biglietto aereo all’alloggio, fino ai vari servizi turistici e di trasporto, unendo il tutto in un unico contenitore facilitando così la ricerca per l’organizzazione di un viaggio, in questo caso con Google Destinations sarà sufficiente inserire la destinazione per avere tutte le info e tariffe per il viaggio.

Con Google Destinations facendo una semplice ricerca per la destinazione d’interesse, il motore mostrerà le migliori e più attinenti informazioni in merito, queste conterranno anche i prezzi ed eventuali offerte, un buon sistema sicuramente apprezzato da quanti usano lo smartphone per prenotare o cercare informazioni turistiche.

La praticità sempre in tasca

Google è già ampiamente presente nelle vite di molti ogni giorno, con strumenti dedicati come Google Destinations per i viaggi, quest’unione s’intensificherà ulteriormente stimolando altre soluzioni, con molta probabilità in futuro ci saranno altri servizi dedicati su altre tematiche, come ad esempio può essere l’organizzazione di un meeting o un matrimonio e così via, più aumentano gli utenti maggiori saranno queste iniziative dedicate a facilitare l’uso di uno strumento che per quanto potente ha dei limiti di praticità per via delle dimensioni.

Considerazioni su Google Destinations

L’iniziativa è ottima, Google visto il flusso di utenti non poteva di certo farsela scappare, ma è anche un segnale per il futuro, di come le cose cambieranno e miglioreranno la fruibilità dei contenuti con lo smartphone e ogni altro tipo di apparecchio mobile.

Vacanze a Venezia: la comodità in Box!

Vacanze a Venezia: la comodità in Box!

Vacanze a Venezia: la comodità in Box!

Vacanze a Venezia: la comodità in Box!

La città di Venezia non ha bisogno di tante presentazioni, chi non la riconoscerebbe e soprattutto che non la conosce, è la città bella e singolare al mondo, un patrimonio dell’umanità a disposizione di tutti, da visitare, ammirare, fotografare e gustare nei sapori locali della cucina tipica veneziana, un bel viaggio a Venezia deve per forza prevedere il “menù” completo della città.

Una volta scelta la sistemazione per alloggiare, e in questi casi la preferenza dei turisti normalmente è per gli appartamenti turistici, le vacanze a Venezia possono iniziare, il punto è come? Sono migliaia i turisti che ogni anno visitano la città perdendosi la maggior parte dei luoghi d’interesse, quali musei, palazzi e altre attrazioni, un vero peccato.

La soluzione per le vacanze a Venezia

Un innovativo servizio disponibile online offre un ottimo supporto ai tanti turisti che malgrado informati non hanno sempre le giuste indicazioni al completo. Il servizio di chiama Venice Box ed è un valido aiuto per visitare la città, si tratta di una card con la quale usufruire dei molti servizi disponibili ognuno diverso in base alle necessità.

Che cosa offre Venice Box:

  • Transfer da e per l’aeroporto
  • Accesso ai musei e altri luoghi turistici
  • Mappa della città completa e dettagliata
  • Convenzione con negozi e ristoranti
  • Coupon del valore di 50 Euro
  • Trasporti gratuiti

Questo servizio garantisce tutta una serie di scelte e opzioni in base alla permanenza, quindi personalizzabile secondo le proprie necessita.

Nel sito completo di tutte le informazioni sono disponibili i vari pacchetti previsti per differenti opzioni, un sistema che non solo facilita la vacanza e le visite nei molti luoghi d’interesse, ma elimina anche le fastidiose code stressanti, che fanno perdere tempo prezioso togliendolo alla vacanza, in questo modo ci sarà molto più tempo per vedere davvero la città e godere delle vacanze a Venezia in tutte le sue bellezze.

Vacanze a Venezia senza stress

La città è bella e questo non si discute, ma non possiamo ignorare i molti problemi legati all’accesso in laguna, i quali iniziano dal parcheggio auto spesso difficile da trovare e a costi a volte fuori dalle righe, da qui poi lo stress degli spostamenti per arrivare in città.

Venice Box rimedia a tutti questi problemi e offre la soluzione per una vacanza stress free, niente code, trasporti gratis e molto altro, la card che offre vantaggi concreti ai turisti, che dovranno pensare a godersi solo le bellezze di Venezia invece di perder tempo nelle varie biglietterie a fare code infinite.

Visitare una città spesso si fa una sola volta nella vita, le vacanze a Venezia può essere una di queste vacanze, quindi importante e da godere fino in fondo, senza sprecare neppure un secondo di tempo, la città merita di essere vissuta non solo vista, e per farlo occorre avere le condizioni migliori e gli strumenti che lo consentono, Venice Box è questo.

La migliore vacanza inizia prima di partire

Nella maggior parte dei casi si parte per una vacanza senza una pianificazione del viaggio, vuoi per un’offerta al volo o l’occasione inaspettata, questo è comunque positivo, ma su un punto occorre avere le idee chiare, una città che non si conosce o si visita la prima volta, offre molto più di quanto è popolare, non sapere cosa visitare e perderlo è davvero un peccato.

Con Venice Box si risolvono molte di queste problematiche e in più conviene, si ottiene in poco tempo e si richiede direttamente online, facile, veloce, vacanza!