Stagione turistica destagionalizzata per aumentare il PIL

Stagione turistica destagionalizzata per aumentare il PIL

Stagione turistica destagionalizzata per aumentare il PIL

La pioggia e il maltempo di queste ultime settimane (mesi?), ci porta a fare qualche riflessione, la stagione turistica può essere tutto l’anno!? Alcune località lamentano un calo delle prenotazioni per il mese di giugno, altre sono semideserte. Il clima cambia, occorre quindi cambiare il mercato del turismo, non è più praticabile considerare la stagione turistica di soli 3 mesi. Come abbiamo visto non è possibile affidarsi o fidarsi del clima, siamo a maggio tra pioggia, freddo e neve.

Occorre ripensare al modello di vacanza che l’Italia può offrire, che ovviamente non è solo quello estivo delle classiche località vacanziere. Il paese da nord a sud può ampliare l’offerta e attrarre turisti da tutto il mondo anche negli altri mesi dell’anno. È necessario destagionalizzare il mercato del turismo, iniziando a offrire pacchetti vacanze in tutti i mesi dell’anno.

Cambiare mentalità per non soccombere

Diciamolo pure, fino ad oggi è andata bene, il clima ho sostenuto un sistema turistico che ha sfruttato i soli mesi estivi da giugno a settembre. Con il clima che fa i capricci le cose si sono complicate per moltissime realtà turistiche, mettendole in crisi. È necessario prendere atto che prima delle crisi economiche, occorre fare i conti anche con il tempo.

Dunque, è arrivato il momento in cui bisogna lavorare 12 mesi all’anno, non solo in estate, certo, è stato bello e conveniente ma è finita! Le strutture come le stesse istituzioni dovranno lavorare per avviare promozioni e campagne per far sapere al mondo che l’Italia è “aperta tutto l’anno”. Rimboccarsi le maniche e cominciare a lavorare per sfruttare una stagione turistica permanente.

Aumenta il PIL e posti di lavoro

Se in Italia il turismo lavorasse tutto l’anno, porterebbe a un sensibile aumento del PIL ma anche dell’occupazione. Con ricadute positive sull’economia tutta, basti pensare all’indotto del turismo e al gettito fiscale.

Ovviamente c’è del lavoro da fare, al nord e in modo particolare al sud, dove mancano spesso le strade o sono simili a mulattiere. Migliorare il paese vuol dire migliorare anche le condizioni economiche degli italiani. Il turismo può essere la prima industria dell’Italia, ha tutte le condizioni per esserlo, occorre solo la volontà di mettere in pratica le potenzialità.

Una domanda viene da porsi, ma i governanti che si sono avvicendati in questi ultimi 30 anni, hanno vissuto in Italia o su Marte? Perché aver trascurato il turismo, così come è stato in questo paese, vuol dire aver privato di tanto benessere un intera nazione!

Intermediazione immobiliare, l’agente è più vivo che mai!

Intermediazione immobiliare, l’agente è più vivo che mai!

Intermediazione immobiliare, l’agente è più vivo che mai!

Qualche anno fa si parlava della Rete, che avrebbe spazzato via ogni intermediazione immobiliare offerta da agenti in carne e ossa. A distanza di qualche giro di boa online, abbiamo le idee più chiare, o meglio a qualcuno si sono aperti gli occhi. I fallimenti di questi ultimi 5 anni sono sotto gli occhi di tutti, le varie “farm” online che promettevano miracoli tecnologici sono fallite miseramente! Il motivo principale è la “relazione”, comprare casa non è come comprare un lecca lecca, la gente vuole parlare, essere ascoltata e ascoltare.

Ovvio che questo, chiamiamolo pure rapporto umano, un software e relativo algoritmo non può sostituirlo. Quando devi comprare casa vuoi anche guardare negli occhi chi te la offre, è tutto qui il punto e si basa sulla fiducia. Una schermata di un computer di certo non può offrire queste indispensabili sensazioni, che sono il centro della conversione da contatto a compratore.

L’agente sempre più centrale

Forse oggi abbiamo capito che la tecnologia aiuta ma non sostituisce l’uomo, almeno non in certe relazioni. Per fare un esempio, è in pieno boom il “Property Manager”, ovvero quella figura dell’agente che si occupa della gestione degli immobili. In modo particolare riguardo al settore degli affitti turistici, tema ampiamente trattato in questo blog.

Il motivo per cui un proprietario si affida a un “Property Manager”? La risposta è tempo e denaro! Esattamente questo, chi ha un immobile da affittare nel settore turistico è sicuramente una persona benestante, spesso impegnata. Per questo motivo si affida a professionisti che mettono a rendita l’immobile occupandosi di tutto. Il vantaggio è quello per cui si ottengono maggiori rendite, in quanto l’agente ne ha tutto l’interesse, senza alcun impegno e tempo speso.

La tecnologia aiuta l’espansione e intermediazione immobiliare

Per tutto ciò che riguarda la crescita di un agente, la Rete e la tecnologia sono insostituibili, ma di fatto la tecnologia non sostituirà mai l’agente. Sicuramente oggi è chiaro questo punto, difficilmente ci sarà mai un servizio che farà le scarpe all’agente.

Di contro, ogni buon agente deve avere un grado di formazione adeguato. Perché se è vero che non sarà sostituito da un “robot”, è vero che un agente più bravo e formato prenderà il suo posto. Non sono molte le occasioni dove gli agenti si possono formare, ma una possiamo segnalarla, Accademia Agenti Immobiliari Qualificati, qualcosa si muove nell’intermediazione immobiliare!

Turismo sommerso, Venezia passata al setaccio …

Turismo sommerso, Venezia passata al setaccio …

Turismo sommerso, Venezia passata al setaccio …

È notizia di questi ultimi giorni e ore, il turismo sommerso a Venezia sempre più accerchiato dalle forze dell’ordine. La situazione pare sia ad una svolta, le autorità di controllo stanno scoprendo ogni giorno molti appartamenti del tutto abusivi. La cosa più inquietante, secondo quanto riportano le autorità, è oltre il danno fiscale anche quello della sicurezza. Infatti, i gestori degli appartamenti abusivi oltre ad incassare senza alcuna dichiarazione, omettono anche la segnalazione degli ospiti alle autorità

Questo è un atteggiamento che potrebbe favorire il soggiorno di persone anche pericolose, per cui il mancato controllo e comunicazione è un atto grave. Proprio in occasione della biennale sono stati scoperti altri immobili destinati ad uso turistico. Già occupati da turisti, i quali hanno dovuto poi fare dichiarazioni e identificarsi presso le autorità locali.

Venezia merita di meglio del turismo sommerso

La città è tra le più belle e importanti al mondo, turisticamente una delle piazze più ambite dai viaggiatori di tutto il pianeta. Ora, voler guadagnare qualche euro in più violando ogni regola possibile, non è certo una scelta intelligente. Tuttavia, la questione dei guadagni è più legata all’attività gestionale e promozionale che non al turismo sommerso.

Perché di fatto, una buona gestione degli appartamenti turistici, fatta come si deve e soprattutto in regola è vantaggiosa. Non solo si è tranquilli e nel rispetto delle norme, ma in alcuni casi si può guadagnare anche fino al 25% in più! Vale la pena rischiare multe a cinque cifre per qualche euro presunto in più? Decisamente no! Su Venezia per esempio, c’è un’Agenzia leader che gestisce gli immobili con destinazione turistica, la quale garantisce guadagni fino al 25% in più rispetto alla gestione autonoma.

Si può guadagnare di più e in regola senza fare niente!

L’agenzia in questione è Rent It Italy, che su Venezia, Mestre, Jesolo e Mantova hanno una sorta di predominio. Questa organizzazione a livello industriale è perfetta per chi un immobile ma non ha tempo per gestirlo. Grazie all’organizzazione di tutti i processi, dall’accoglienza alle pulizie, Rent It Italy garantisce trasparenza, professionalità e soprattutto migliori entrate.

Perché dunque rischiare multe salate e denunce, quando puoi avere gli stessi rendimenti e per di più senza fare niente? A volte le soluzioni le abbiamo sotto il naso ma non riusciamo a vederle, una cecità che produce solo danni!

Mantova turismo, alla scoperta di una città a misura di vacanzieri

Mantova turismo, alla scoperta di una città a misura di vacanzieri

Mantova turismo, alla scoperta di una città a misura di vacanzieri

Non è una città popolare, almeno non mediaticamente, eppure a Mantova turismo e offerta per i vacanzieri sono molto ampie. Proprio in queste ultime settimane hanno preso il via molte iniziative ed eventi, i quali si protrarranno fino all’autunno. La città è un concentrato di opportunità per i visitatori, che possono ammirare le bellezze mantovane e cullare il palato con le tante opzioni enogastronomiche. Già Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, Mantova è a tutti gli effetti una delle prime città d’arte italiane. Inoltre, quest’anno è anche la città europea dello sport.

Arte e cultura da vendere, ed è proprio questo il motore di tutto, le molte attrazioni paesaggistiche e monumenti che si possono ammirare. La città ha davvero tanto da offrire ed è per questo che il turismo cresce e conseguentemente anche l’offerta. Anche a Mantova possiamo trovare un nutrito elenco di appartamenti turistici, infatti, molte agenzie stanno lavorando proprio con la città.

Un gioiello da conservare

Per i viaggiatori Mantova e turismo sono un binomio sconosciuto, ovvio non perché non vale, ma perché evidentemente poco promossa negli anni passati. Ora le cose stanno cambiando, infatti, la città sta vivendo un nuovo “rinascimento”, con flussi turistici in crescita ogni anno.

Si stima che, tra le città d’arte italiane che potrebbero crescere di più nei prossimi anni, c’è proprio Mantova. Si tratta di una previsione stimata anche in base all’offerta turistica. Che chiaramente comprende anche o soprattutto gli appartamenti turistici, i quali aumentano di numero costantemente.

Interesse crescente degli operatori

Parlando di Mantova turismo e alloggi, inevitabilmente entriamo nella sfera degli operatori, i quali puntano sulle città d’arte. In modo particolare i “Property Managers”, ovvero quelle agenzie specializzate nell’affitto turistico.

Una di queste agenzie leader in Italia, la Rent It Italy, dopo Venezia, Mestre e Jesolo ha aperto i propri uffici anche a Mantova. Segno inequivocabile dell’interesse per questa località, interesse stimolato dai turisti che sempre più raggiungono Mantova. Di conseguenza cresce anche l’offerta e chi è già organizzato può entrare più facilmente nel mercato della gestione degli affitti turistici!

Affitti turistici e l’effetto “moltiplicazione dei pani e dei pesci”

Affitti turistici e l’effetto “moltiplicazione dei pani e dei pesci”

Affitti turistici e l’effetto “moltiplicazione dei pani e dei pesci”

È così da millenni, quando l’uomo si trova di fronte a grandi cambiamenti, spesso non sa gestirli, per lo più emotivamente. Successe per la corrente, il telefono, la Tv ecc. Ogni volta sembrava la fine del mondo, invece il mondo è solo andato avanti! Ora, la rivoluzione che stiamo vivendo in questo momento, riguarda un settore che potrebbe essere vitale per l’economia del paese.

Il turismo certo, nello specifico l’effetto dominio degli affitti turistici, che alcuni purtroppo vedono negativamente, trascurando alcuni “piccoli” dettagli. Il timore più grande è quello dell’innalzamento delle normali locazioni, il che non affatto così, perché nelle città turistiche le zone centrali hanno già degli affitti alti. Infatti, il potenziale aumento riguarda solo quelle aree turisticamente interessanti, ovvio che la periferia di Roma, Firenze o Napoli, non subirà alcuna variazione.

Guardiamo la luna e non il dito

Ora, quello che sistematicamente viene ignorato quando parliamo di sviluppo turistico legato a strutture private, è il lato economico dell’indotto. Turismo vuol dire flusso di denaro, ovviamente non solo per chi affitta l’appartamento, che forse preleva al turista la fetta minore del costo vacanza. Un incremento del turismo vuol dire, maggiori entrate per tutta una serie di servizi connessi appunto all’attività turistica.

Esempio, maggiori entrate per musei, ristoranti, negozianti, taxi e trasporti, intrattenimento e tutte quelle attività che offrono beni e servizi ai turisti. Questo flusso di denaro è sicuramente importante per movimentare l’economica locale e allo stesso tempo aumentare l’occupazione. Ecco, questo accade quando si incrementa l’offerta turistica, ed è quello che accade con l’espansione del mercato degli affitti turistici.

Il turismo la migliore industria sostenibile

Sentiamo spesso le parole come eco-sostenibilità dell’industria, di fatto, quella turistica ha il minore impatto ambientale. Purtroppo, si fatica ancora a farlo capire ai manovratori, l’Italia con il suo patrimonio potrebbe vivere quasi di solo turismo.

Da nord a sud il patrimonio è inestimabile, il cui potenziale è decisamente sottosviluppato, basta pensare ad alcune Regioni del sud, dove la viabilità è ottocentesca! La rinascita di questo paese non avverrà certo con il nuovo impianto automobilistico, se mai ci sarà potrà essere legata solo al turismo. Certo bisogna prima capire il valore di questo settore. Per ora lo hanno capito tutti quei privati che mettono a disposizione il loro appartamento a fini turistici!